tec! drudo

(banali) tecnicismi su blog

Archive for gennaio 2010

Seguire l’evento Apple del 27 gennaio 2010

leave a comment »

Written by luciano

27 gennaio 2010 at 15:24

Pubblicato su Apple, Segnalazioni

Tagged with , ,

Rimuovere applicazioni dal menu contestuale “Apri con”

with one comment

Rimuovere un’applicazione dal menu contestuale “Apri con”, visibile nel menu a tendina quando si clicca con il tasto destro (ctrl+click) su di un file, non è cosa facile come mi aspettavo. OS X infatti non mette a disposizione alcuno strumento utile allo scopo.

apri con Sottolineo che non sto parlando di ripulire il menu dalle applicazioni disintallate, o di eliminare le voci doppie, o di associare il programma di default, problemi che a dir il vero con OS X 10.6.2 non ho mai avuto, bensì di eliminare una voce dalla lista.
Il tutto è nato perché volevo eliminare la voce “Opera (9.27)” dall’elenco di applicazioni associate ai file con estensioni: html, xml, php, png, jpeg, torrent, ecc., senza però necessariamente disinstallarla. Il programma infatti è presente nel pacchetto di Adobe CS4 (/Applications/Adobe Bridge CS4/Adobe Bridge CS4.app/Contents/MacOS/Opera.app) e non volevo creare “problemi”.

Cercando sul web ho pescato questo articolo, datato 2003, in cui viene spiegato come fare tutto ciò in modo manuale. In breve si tratta di aprire il file Info.plist presente all’interno del programma scelto (tasto destro –> “Mostra contenuto pacchetto”) con un editor di testo e cancellare i suffissi interessati.

Personalmente, dato che il file contiene la sintassi xml, ho preferito commentare le varie porzioni di codice attraverso i simboli <!-- comment --> tipici dell’HTML, potendo così ripristinarle in futuro. Ad esempio per non far più apparire “Opera (9.27)” nel menu “Apri con” dei file .php:

<!--
<dict>
<key>CFBundleTypeExtensions</key>
<array>
<string>php</string>
</array>
<key>CFBundleTypeName</key>
<string>PHP</string>
<key>CFBundleTypeRole</key>
<string>Viewer</string>
</dict>
-->

Una volta apportate le modifiche basta salvare (è richiesta la password dell’account) e cliccare con il tasto destro su di un nuovo file 1.

open-with manager Tutto questo per un utente proveniente da linux non è nulla di scandaloso, ma per chi è meno smaliziato potrebbe essere un ostacolo. Niente paura un programma freeware non proprio recentissimo, ma a quanto pare funzionante anche su “Snow Leopard“, ci viene in soccorso: si tratta di Open-With Manager (screenshot) creato da “Many Tricks”.
Non sto qui a scrivere come si usa, non solo perché è molto semplice, ma anche perché lo hanno già fatto molti blogger, tra cui quello di Computime.

1 Non so se sia normale, ma prima di creare il nuovo file e cliccarci sopra col tasto destro, la voce “Opera (9.27)” era ancora presente.

Written by luciano

20 gennaio 2010 at 18:30

Pubblicato su Apple, Software

Tagged with , ,

Apple remote e Snow Leopard

leave a comment »

Da quando ho aggiornato il sistema a Mac OS X 10.6+ (Snow Leopard) il telecomando “Apple Remote” del mio iMac ha cessato di funzionare con programmi i terze parti come VLC, EyeTV, ecc. rimanendo apparecchio esclusivo per i software made in Cupertino.

candelair Le soluzioni a questo comportamento sono diverse, alcune sfruttano utility a pagamento, altre no, mentre altre sono veri e propri hack che vanno a modificare direttamente i driver predefiniti di sistema.
Quello che volevo proporvi io invece è Candelair un driver alternativo per il ricevitore ad infrarossi interno del nostro Mac creato da IOSPIRIT GmbH. E’ basato sulla più completa applicazione Remote Buddy della stessa compagnia, ma a differenza di questa è completamente gratuita anche se (ovviamente) meno completa.

apple remote Il driver, per quello che ho potuto constatare, funziona benissimo e risolve davvero i problemi citati all’inizio, quindi niente più avvio di iTunes se voglio mettere in pausa un filmato di VLC e finalmente posso cambiare canale quando guardo la TV con EyeTV!!

Una volta installato, si potranno abilitare alcune funzioni direttamente da “Preferenze di Sistema”, da dove è possibile inoltre disinstallarla con facilità (cito dal sito):

Go to System Preferences > Candelair and click “Uninstall” to uninstall the driver. When the driver is uninstalled, go to the overview in System Preferences, perform a right click on the “Candelair” icon and select “Remove”.

Come sottolineano gli stessi autori, l’applicazione lavora senza andare a modificare i file di sistema, senza creare hack o patch (cito ancora dal sito):

[…] Candelair is a clean, fully-fledged, independant driver. It works without modifying system files, hacking or patching anything.

Download: http://www.iospirit.com/labs/candelair/download/ [740 KB]

Written by luciano

18 gennaio 2010 at 00:00

Mac OS X e gestione finestre

with 2 comments

Il sistema Mac OS X offre ottimi strumenti per gestire le finestre, tra questi i famosi Spaces ed Exposé. Ciononostante durante l’uso quotidiano mi sono venute a mancare alcune features utili, come ad esempio il ridimensionare velocemente due finestre a metà schermo per poter confrontare due testi, due directory, ecc.

sizeupAl “problema” ci sono diverse soluzioni (software) a pagamento e non, vediamone alcune:

la prima, e forse più completa, è SizeUp utility creata da Irradiated Software compatibile con Mac OS 10.5+ 1 e dal costo di $13 (circa 9 €) che permette di ridimensionare le finestre di sistema a metà schermo (orizzontalmente/verticalmente) e sui quattro angoli dello schermo, il tutto attraverso comode scorciatoie da tastiera.

La seconda, creata dagli stessi autori di SizeUp, riprende in tutto e per tutto AeroSnap di Windows 7. Si chiama Cinch è compatibile con Mac OS 10.5+ e 10.6+ e viene proposta al prezzo di $7 (circa 4,8 €). Sia per questa che per la precedente è comunque disponibile il download dell’applicazione in versione Demo che differisce da qualla licenziata solo per la presenza di avvisi ogni tot operazioni.

La terza, ancora una volta creata da Irradiated Software, è TwoUp versione ridotta, ma gratuita di SizeUp la quale permette il solo ridimensionamento a metà schermo (orizzontalmente/verticalmente) compatibile con Mac OS 10.5+.

moveme Veniamo quindi sul fronte italiano. Non ho trovato molto, se non due utility sfornate dai programmatori di iTecnologici che vogliono emulare il già citato AeroSnap:
GoFinder nasce dalla collaborazione con saggiamente.com ed è composta da tre script da posizionare sulla barra degli strumenti del finder (quindi il ridimensionamento è limitato alle finestre di quest’ultimo).
MoveMe! invece è una evoluzione della precedente che include la possibilità di ridimensionare tutte le finestre di sistema. Per farlo viene sfruttata CornerClick, applicazione per attribuire funzioni agli angoli dello schermo, e da tre script scritti ad hoc; l’installazione non è banalissima, ma gli autori hanno messo a disposizione un video che mostra come fare.

Concludendo posso affermare con serenità che le applicazioni di Irradiate Software sono nettamente più eleganti, senza nulla togliere al lavoro dei “nostri” 🙂 , inoltre se non avete voglia di spendere quei pochi euro e gli avvisi non vi danno troppa noia, potete anche tenervele tranquillamente in versione demo.

1 Testato e funzionante anche su Mac OS 10.6+ (Snow Leopard)

Written by luciano

15 gennaio 2010 at 19:04

Pubblicato su Apple, Software

Tagged with , , , , , , ,

Utility nostrane: iNTFS e iLock

with 2 comments

Mi fa sempre un gran piacere parlare di applicazioni sviluppate da programmatori italiani, così vi segnalo due piccole utility create da saggiamente.com e iTecnologici: iNTFS e iLock.

iNTFS La prima delle due, come suggerisce il nome, si occupa di scrivere su dischi formattati in NTFS (il filesystem usato a casa Redmond) semplicemente abilitando il supporto nativo incluso in OS X 10.6.x Snow Leopard.

Come ci tengono a sottolineare gli autori, l’utility non necessita di nessuna installazione e nessun intervento manuale da parte dell’utente finale; uniche raccomandazioni sono quelle di rimuovere altre applicazioni installare per lo stesso scopo e di cancellare, se presente, il file /etc/fstab.

iLock La seconda invece si occupa di bloccare l’accesso a singoli file e/o cartelle presenti sul proprio sistema. Si tratta in pratica di due servizi da installare in /Library/Services/ che si occupano di cambiare i permessi (chmod) nonché i proprietari (chown) dei file selezionati. Una volta copiati i due servizi si potranno lanciare dal menù contestuale (tasto destro o ctrl+click).

Come per la precedente utility le raccomandazioni sono poche: aprire i due servizi con Automator (senza salvare) prima di utilizzarli la prima volta e cancellare eventuali vecchie versioni dell’applicazione, ossia “Lock items.workflow” e “Unlock items.workflow” presenti nella cartella specificata poco sopra (dettagli).

Download:

Written by luciano

12 gennaio 2010 at 18:20

Pubblicato su Apple, Software

Tagged with , , , ,

32 e 64 Bit

leave a comment »

Un breve post per segnalare un lungo ma interessante articolo apparso su pcprofessionale.it scritto da un lettore del giornale, che spiega le differenze tra un’ architettura a 32 e 64 Bit:

processore Link all’articolo:

http://www.pcprofessionale.it/2010/01/10/32-e-64-bit-tra-verita-miti-e-scelte-di-mercato/

Written by luciano

11 gennaio 2010 at 15:31

Pubblicato su Segnalazioni

Tagged with , ,

Svuotare il cestino di un supporto removibile

leave a comment »

Come è noto il Cestino dei sistemi Mac altro non è che una cartella nascosta denominata .Trashes/ , tale cartella è presente anche su ogni dispositivo removibile che colleghiamo (penne USB, ecc.), ma il Cestino presente nel Dock di Mac OS X li gestisce tutti come fosse uno unico (leggi dettagli). Conseguenza di questo è la cancellazione di tutti i file di tutti i Cestini in un colpo solo.

Come fare quindi a cancellare solo il Cestino del dispositivo collegato e non tutto quanto?

curb icon Nel link poco sopra vengono menzionati due metodi: il primo attraverso l’uso del terminale, cosa poco avvezza agli utenti della mela, il secondo attraverso un software ($19.95) “Compost“.

L’alternativa che volevo proporre è invece un software freeware Universal Binary e compatibile con le versioni 10.5+ di OS X: CURB 1.0. Nonostante non sia aggiornatissimo funziana a dovere anche su OS X 10.6+ (almeno fino ad ora), fatta eccezione per la “finestra di Prompt” attivabile dalle preferenze che non da segni di vita una volta attiva… consiglio quindi di non attivarla.
Il programmino ha anche la possibilità di cancellare i file dal dispositivo in modo sicuro, oppure spostare gli stessi nel Cestino locale del proprio Mac, nonchè di espellere il dispositivo una volta terminata l’operazione.

Sul sito dell’autore potete anche vedere un breve video di dimostrazione.

Download: http://www.mrrsoftware.com/Downloads/Curb/Curb.zip [844 KB]

Written by luciano

9 gennaio 2010 at 14:15

Pubblicato su Apple, Software

Tagged with , , ,